Leggendo Mondo9

mondo9In un certo senso l’estetica steampunk è una specie di disciplina, fatta di governo delle immagini, un’ascesi, il che è come dire: è un buon esempio di immaginazione letteraria. Mi viene in mente leggendo Mondo9 di Dario Tonani (Ed. Delosbooks), polittico composto da quattro quadri uniti da interludi-snodi, un po’ come le spaventose navi che solcano gli oceani di sabbia di quell’inospitale mondo (o dimensione, o incubo). Perché parlo di disciplina, e di rigorosa disciplina? Perché lo scrittore che sviluppa le premesse dell’estetica steampunk deve rinunciare ad ogni seduzione dell’immaginario corrente, con le sue possibilità consuete di ibridazione corpo-macchina- mente, e si deve installare, con un viaggio a ritroso nei futuri e nei possibili, a cavallo tra i due secoli passati, traendone le conseguenze. Quello che trova è la primitiva percezione degli uomini che vissero la cosiddetta seconda rivoluzione industriale, del carattere demoniaco delle macchine, della smisurata e incontrollabile potenza del macchinismo. E demoniaci sono gli incubi di Mondo9, anzi a rigore, negromantici.

4 pensieri su “Leggendo Mondo9

    • Sì, anch’io credo che il genere apra delle possibilità conoscitive straordinarie – allargando il discorso all’ucronia, il tuo post mi ha fatto venire in mente una delle cose più belle lette negli ultimi anni che è “Terre accanto” di Alberto Costantini

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...