Far saltare le gerarchie fra le arti. Una riflessione di Daniele Pasetti.

Daniele Pasetti ha acconsentito gentilmente alla pubblicazione di questa interessante riflessione sulla locuzione “letteratura disegnata”, da me usata in modo irriflesso nel post dedicato a Dampyr, mettendone in luce tutta la sua carica ideologica.

“Storicamente, data l’origine del fumetto come mezzo espressivo minore, a lungo tutti quelli che se ne sono occupati professionalmente hanno sofferto di complessi di inferiorità nemmeno troppo nascosti. E come spesso accade in questi casi, si è cercato nella lingua un mezzo per farvi fronte. Will Eisner ad esempio preferiva chiamare il fumetto Sequential Art, definizione tecnicamente sicuramente corretta ma che non ha avuto successo alcuno. In Italia, paese crociano per eccellenza (non è un complimento), l’appiglio più o meno automatico è stata la letteratura. Hugo Pratt è stato tra i primi a parlare di letteratura disegnata, poi altri sono seguiti. Non ha avuto un gran successo nemmeno questa, se non come episodica perifrasi. Perché non va bene: perché richiamando allusivamente ad un mezzo espressivo più antico e prestigioso (ma non “migliore”, semplicemente diverso) lungi dal sottolineare la sua specificità schiaccia il fumetto in una condizione ancillare, condizione che non ha nella realtà né dal punto di vista tecnico né dal punto di vista estetico. Il fumetto non è un genere letterario, come l’horror o la f o quello che vuoi, ma è un linguaggio, pienamente autonomo rispetto alla letteratura. Certo, usando il concetto di letteratura in modo molto estensivo, come fa l’Accademia Reale Svedese ad esempio, può rientrarci. Il Nobel è stato assegnato anche ad autori teatrali come sai. Ma la scrittura teatrale non è “davvero” letteratura. Un testo teatrale “vive” dell’interpretazione attoriale, della costruzione e dell’organizzazione dello spazio scenico etc., il testo, senza tutto questo, è monco. E’ solo una parte del teatro. Quella drammaturgia, senza gli attori, è lettera morta, e non per modo di dire. Per il fumetto è lo stesso; certamente c’è una parte rilevante giocata dalla scrittura ma la sceneggiatura, priva del disegno, è monca. Il disegno sta al fumetto come il palco e gli attori stanno al teatro. La parentela che il ruolo giocato dalla scrittura segnala, ha una fine. La scrittura letteraria è autonoma, vive di sé stessa, quella fumettistica, teatrale, cinematografica no. Certo, un professionista, o un amatore, o in generale un tizio scafato può apprezzare un testo teatrale o una sceneggiatura anche da sole, ma parliamo di una élite, e quelle non contano. In generale, la parte meramente scritta di un testo di questo tipo è monca. Definizioni come letteratura disegnata o, per altri versi, Graphic Novel (in originale allude semplicemente al formato album all’europea, non vuol dire “fumetto figo e ben scritto e disegnato”, come si è equivocato in Italia) non fanno un favore al fumetto, nonostante chi le usi sia animato da buoni propositi, ovviamente. E’ un po’ come dire, invece che “Bianchi e neri hanno pari dignità”, “I neri i realtà sono, sotto sotto, bianchi. Chiamiamoli Bianchi scuri e trattiamoli come bianchi, cioè bene.” In realtà, quello che si fa, è inconsciamente ri-affermare la pedestre gerarchia crociana delle arti. No, è sbagliato; le gerarchie tra le arti vanno fatte saltare con la dinamite. Il fumetto, come il cinema, è semplicemente un mezzo espressivo più giovane di altri; non ha bisogno di travestirsi linguisticamente da altro o cercare imprimatur impliciti da chicchessia. Lo si legga e lo si apprezzi, se si vuole, ovvio. ”    Daniele Pasetti

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...